Grande Distribuzione: differenza tra GDO e GDS

Qual è la differenza tra la GDO e GDS? Innanzitutto occorre chiarire di cosa si parla, dal momento che questo è un argomento nel quale – forse senza saperlo, ci ricorda Raoul Cetorelli – ci troviamo tutti coinvolti. La GDO rappresenta quell’insieme di punti vendita che sono gestiti a ‘libero servizio’ e che sono controllati da un gruppo o un’organizzazione che raggruppa diverse insegne commerciali. Organizzati su grandi superfici, i gruppi commerciali aderenti alla Grande Distribuzione Organizzativa, sanno che possono contare su una filiera produttiva affidabile e costante, in grado quindi di soddisfare al meglio le esigenze del consumatore finale. Per chiarirsi meglio le idee, ecco un breve schema di come vengono suddivisi gli esercizi commerciali ai fini della GDO, offerta da Raoul Cetorelli: si parla di quattro tipologie in particolare, che tengono conto di diversi fattori tra cui la dimensione del supermercato (quindi i metri quadri sui quali si estende), l’ampiezza (cioè il numero di prodotti che può contenere), e la profondità (cioè il numero di referenze per ogni prodotto). In base a questo tipo di classificazione, si possono distinguere ed individuare:
– Supermercati (esercizi commerciali che offrono una superficie di vendita superiore ai 400 mq)
– Ipermercati (quegli esercizi commerciali che si estendono su una superficie di vendita superiore ai 2500 mq)
– Discount (esercizi commerciali che offrono una superficie di vendita che va dai 200 ai 1000mq, ma al tempo stesso possono contenere una limitata gamma di prodotti)
– Libero servizio (con una superficie di vendita che si estende tra i 200 e i 400 mq)
La Grande Distribuzione Organizzata quindi, rappresenta il più moderno sistema di distribuzione di prodotti attualmente esistente, in cui la concorrenza si basa fondamentalmente su una riduzione dei costi logistici e una serie di altri fattori che hanno come effetto quello di mantenere i costi abbastanza bassi. La GDS invece, è la Grande Distribuzione Specializzata e include un gran numero di punti vendita che si associano sotto un’unica insegna. A differenza della GDO, la GDS ha la particolarità di raggruppare negozi che sono specializzati in un unico settore merceologico, come ad esempio il fai da te, i prodotti cosmetici, l’elettronica, i prodotti biologici ecc. Per chiarire meglio, della GDS fanno parte marchi come Mediaworld, Bricofer e Unieuro. Mentre invece alla GDO appartengono aziende come Lidl, Esselunga ed Eurospin (operanti nella Grande Distribuzione Italiana). Anche nel caso della GDS, sono diversi i fattori che concorrono al mantenimento di prezzi accessibili al cliente finale (competenza organizzativa, logistica ben pianificata, professionalità, alto valore dei prodotti, ecc.). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *