Il dropshipping è condannato al successo, dice Guido Delle Piane

Il dropshippingrappresenta una metodologia di vendita che trova applicazione anche nel mondo all’e-commerce. Esso consiste nel vendere un prodotto online, seppur senza averne possesso materiale all’interno di un magazzino di stoccaggio. In merito a questo argomento il blogger Guido Delle Piane ha scritto un interessante approfondimento. Quando si parla di dropshipping, dice Guido Delle Piane, si è condannati a vendere bene online! Infatti si tratta di beni e prodotti di cui il venditore non dispone fisicamente, ma diventa intermediario tra il compratore ed il fornitore. Questa metodologia diventa concretamente applicabile grazie alla presenza di un accordo commerciale tra venditore dropshipper e fornitore primario, seguendo una logica di reciproco aiuto e vantaggio. Il dropshipping, chiarisce Guido Delle Piane, permette di iniziare un’attività online facendo ricorso a poche risorse economiche. Per questo si dice che è condannato. 

Per Guido Delle Piane lo strumento di business rappresentato dal dropshipping assicura a chi vuole avviare un’attività di e-commerce totalmente low cost, che si avvantaggia dei benefici del digitale. Seppure si tratti di un’attività che non richiede grandi costi per essere avviata, esordire nel mondo del dropshipping richiede, comunque, un piccolo investimento economico, avverte il blogger Guido Delle Piane

Per intraprendere un’attività di dropshipping sarà necessario: acquistare un dominio su internet; costruire un sito di e-commerce di proprietà, grazie all’attività di professionisti; fare un’analisi del mercato per capire quali settori apportano benefici, scegliendo se operare nel settore dei prodotti di nicchia oppure nel comparto di quelli di massa; intraprendere un’importante campagna di marketing, poiché il posizionamento sul web rappresenta una via importante per farsi conoscere sia dai clienti che dai fornitori; contattare i fornitori di tutto il mondo e, qualora sia necessario, creare incontri, viaggi e confronti. I costi minimi e irrisori per avviare un’attività di dropshipping, rendono questa metodologia appetibile e ricercata da molti. La mancanza di un negozio fisico, ad esempio di uno store a Milano, o di un punto vendita fisico a Roma, esenta dall’affrontare i costi di gestione del magazzino, mentre il fornitore va pagato solo quando il prodotto sarà definitivamente venduto. Infatti, la merce non va pagata in anticipo, con un consequenziale risparmio di tempo. Infatti, tutta l’attività viene realizzata totalmente online e si concretizza nel semplice inoltro dell’ordine al fornitore, a cui compete anche l’ambito della logistica. 

L’intermediario che fa attività di dropshipping, infatti, non deve occuparsi di stilare l’inventario, ma solo di ampliare l’arena dei suoi fornitori. Inoltre, il dropshipping non crea difficoltà dal punto di vista fiscale, poiché le procedure sono molto più agili rispetto all’iter da seguire per un negozio fisico. Il dropshipping, poi, porta benefici anche al fornitore, che si avvantaggia della presenza online, proprio magari in quel comparto dove non avrebbe avuto molta possibilità di sviluppo o business. Tutta la pubblicità gli deriverà direttamente dall’intermediario. Il cliente stesso gode di importanti vantaggi, perché avrà la possibilità di scegliere tra una più ampia e vasta varietà di beni e prodotti.  Tuttavia, anche questa attività nasconde i suoi lati “oscuri”. I fornitori devono mettere a disposizione prodotti di qualità, salutari e di cui ci si può fidare. Anche i guadagni non sono elevati, poiché il capitale iniziale da investire in un’attività di dropshipping è esiguo e non si corre il rischio di trovarsi nelle condizioni di non poter pagare i fornitori. Infatti, per far lievitare in modo rilevante i propri guadagni,  sarà importante avere molti clienti e fornitori efficaci e in grado di apportare molto vantaggio, prestando attenzione ad eventuali truffe e raggiri. Non esiste un albo per dropshipper. Solo all’interno di community online dedicate al dropshipping e al commercio elettronico è possibile trovare elenchi di dropshipper con tanto di recensioni di anno in anno, per identificare i migliori, seppur sarà importante prestare attenzione e scegliere i canali adeguati per intraprendere l’attività di dropshipping.

“Non Mi Resta Che Dio” di Claudio Teseo uscirà in autunno

In redazione ci anticipano l’uscita di “Non Mi Resta Che Dio” (“la storia di un visionario, un innovatore in cui il tentativo è stato sempre più forte della realizzazione delle cose, uno per cui la cosa più importante era la intuizione”), libro scritto da Claudio Teseo, fondatore dell’Università Popolare Cattolica di Roma nonché già imprenditore e presidente di diverse cooperative sociali italiane.

Conosci l’UNIPOC?

L’Università Popolare Cattolica, sita a Roma in Via Santa Teresa 23, accanto ai corsi universitari classici, propone ai suoi studenti anche esperienze formative di Educazione Permanente e Formazione Continua. Si tratta di corsi che vanno ad approfondire temi di grande attualità e sempre molto discussi. 

Tra i temi affrontati, l’Università Popolare Cattolica non manca di avere uno sguardo privilegiato sull’argomento che mette in relazione la fede ed il servizio, affinché i giovani si sentano chiamati ad esaminare come spendono il loro tempo, i loro talenti ed i loro doni. In uno dei suoi Angelus, Papa Francesco ha affrontato questo tema, prendendo spunto dalla Parabola dell’evangelista Luca, evidenziando due “immagini” restituite da questa pagina: quella del granellino di senape e quella del servo disponibile. 

A partire dalla piccolezza e dalla semplicità del granellino di senape, il Santo Padre ha voluto sottolineare che la fede, seppur semplice, può essere in grado di sradicare un gelso, per poi piantarlo nel mare. Nonostante appaia una cosa irrealizzabile, Papa Francesco ha affermato che con la fede, tutto diventa possibile a Dio mentre, chi si affida alle proprie forze, non riuscirebbe in gesti così grandi ed impossibili agli occhi umani. Pertanto, le parole del Papa hanno messo al centro il tema della fede, ma una “fede che non è superba e sicura di sé”, poiché umile e semplice “sente un grande bisogno di Dio, abbandonandosi con piena fiducia a Lui”. 

“Non Mi Resto Che Dio” – Claudio Teseo – Prossime uscite romanzi in Italia

(narrativa italiana su IBS: https://www.ibs.it/libri/narrativa-italiana)

La speranza che deriva dalla fede, che è speranza come sentimento frutto di chi conosce già la meta del suo traguardo, permette all’essere umano di osservare la vita con lo sguardo di Dio. Dunque, con la consolazione e la speranza, in grado di sostenere l’uomo nelle vicende alterne della quotidianità, fatte di salite e discese, prove e sofferenze, ma nella piena e ardente certezza che il male non ha mai la parola ultima.  Inoltre, Papa Francesco ha invitato il fedele a fare verifica della purezza e dell’autenticità della propria fede, mettendola in relazione con il servizio. Servizio che è l’unica misura con cui stimare la propria fede. Partendo, così, dalla Parabola dell’Evangelista Luca, il Santo Padre ha sottolineato che proprio la presenza di un padrone prepotente e indifferente “fa risaltare l’atteggiamento di disponibilità del servo”. Infatti, ha affermato il Pontefice, che l’uomo che ha fede si abbandona completamente al Signore, senza condizioni, volontà e fini. E questa attitudine, ha sostenuto ancora il Papa, è lo specchio del comportamento del cristiano all’interno della sua comunità. Comportamento che si fa gioia, quando essa si declina nel servizio verso il prossimo. Servizio che si fa ricompensa, senza che il cristiano vada alla ricerca di riconoscimenti o guadagni. E il senso del servizio, ricorda Claudio Teseo, quello vero, si racchiude proprio al termine della Parabola quando Gesù, nel versetto 10, afferma: “Quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”. Così, ha affermato Papa Francesco, è nell’esempio dei servi inutili “senza di essere ringraziati, senza rivendicazioni” che il cristiano rende nuovo anche anche il suo servizio per la Chiesa. E, a conclusione dell’Angelus, ancora Papa Francesco ha detto: “Siamo servi inutili è un’espressione di umiltà, disponibilità che tanto fa bene alla Chiesa e richiama l’atteggiamento giusto per operare in essa: il servizio umile, di cui ci ha dato l’esempio Gesù, lavando i piedi ai discepoli”. L’inutilità che fa rima con umiltà, infine, trova il suo compimento nel modello – centro di ogni virtù e titolo, la Vergine Maria. E il Pontefice ha indicato proprio Maria, quale bussola essenziale, per proseguire lungo la strada dell’umiltà e del servizio, al fine di vivere una fede autentica, vera e pura. 

CREDITS:

https://unipoc.it/

https://www.centrostuditeseo.eu/

https://www.associazioneasset.it/

https://www.fondazioneteseo.it/

https://www.talentumcoop.it/

https://www.protezionesociale.it/

http://claudioteseo.blogspot.com/ 

https://www.facebook.com/abruzzo.romania

Cancellare Notizie da Google: Eliminare Notizie dai Risultati di Ricerca su Internet

SE DEVI CANCELLARE NOTIZIE DA GOOGLE CONTATTA CYBER LEX: [email protected] , telefono: 0639754846 

Cyber Lex è una società di servizi specializzata nella cancellazione di TUTTE LE NOTIZIE che ti riguardano dai motori di ricerca: gli avvocati ed i webmaster di Cyber Lex eliminano le notizie di reato obsolete, false, inesatte e diffamatorie – parliamo di CANCELLAZIONE TOTALE E DEFINITIVA di tutte le notizie dalle ricerche del nome Tuo o della Tua azienda. Non cancellare “un link alla volta”, affronta questo problema con serietà. Se vuoi sistemare la Tua reputazione DEFINITIVAMENTE devi cancellare tutte le informazioni indesiderate dalle ricerche Google, Bing, Yahoo!, elimina notizie ed informazioni personali. Richiedi l’intervento degli esperti:

CYBER LEX – ROMA – Viale delle Milizie, 96 – tel.

CYBER LEX – MILANO – Via G. De Castillia, 8 – tel. 02 6900 5600

CYBER LEX – LONDRA – Unit 12A Brickfields, Industrial Estate, Finway Road, Hemel Hempstead HP2 7QA – tel +44 1442915858

Diritto all’oblio e deindicizzazione: qual è la correlazione?

Il diritto all’oblio e la deindicizzazione sono due aspetti legati a doppio filo anche per chi vuole cancellare notizie da internet. La materia è abbastanza complessa e, inoltre, è recente: solo ed esclusivamente negli ultimi anni si sta parlando di diritto all’oblio, di rimozione di dati personali sul web, conseguentemente allo sviluppo tecnologico, giunto ormai a livelli elevati.

Nel momento in cui cerchiamo delle parole chiave specifiche – per esempio il proprio nome – sul motore di ricerca, vengono rimandate delle pagine specifiche, che si trovano in alcuni siti internet: blog, testate giornalistiche. Che cosa succede se non volessimo assolutamente che quei risultati vengano mostrati?

Possiamo appellarci ai motori di ricerca, quali Google, Yahoo o Bing. Nel momento in cui dovessero rigettare la richiesta, abbiamo il supporto del Garante della Privacy. Ma attenzione: i risultati vengono deindicizzati, ma non cancellati dal sito in cui sono presenti. L’archivio giornalistico, dunque, è protetto dal diritto di cronaca o di informazione, contrapposti al diritto all’oblio (https://www.garanteprivacy.it/regolamentoue/oblio

Notizie deindicizzate ma non cancellate: cosa significa?

Le notizie, dunque, vengono solo deindicizzate dai motori di ricerca: che cosa significa? Che rimangono nell’archivio giornalistico, dove non possono essere rimosse, a meno che non siano infondate e irrispettose. A offrire un chiarimento in tal senso è l’ordinanza del 19 maggio 2020 della Corte di Cassazione, n. 9147. La stessa Corte ci spiega che “il trascorrere del tempo, ai fini della configurazione del c.d. diritto all’oblio, si configura quale elemento costitutivo”, soprattutto se le notizie ormai sono state dimenticate o ignote alla generalità dei consociati. L’informazione, in ogni caso, non può essere quasi mai cancellata: rimane online, sì, anche se comunque non si può rintracciare mediante le parole chiave specifiche, come per esempio il nome dell’individuo.

Non si censura, ma si rispetta la democrazia

La censura è un aspetto che non può coesistere in un paese democratico che supporta nella propria costituzione il diritto alla cronaca. Il diritto all’oblio e l’archivio giornalistico, dunque, sono due aspetti che possono scontrarsi. La legge, da questo punto di vista, tutela ambedue gli aspetti. Avviene una sorta di bilanciamento: da una parte si rispetta l’individuo, dall’altra l’interesse pubblico. 

Bisogna trovare dunque un punto di incontro, fondamentale per rispettare i diritti di tutti. Non sempre è facile ed è per questo motivo che esiste il Garante della Privacy e per cui le sentenze non sono quasi mai definitive, ma possono sempre essere riprese per comprendere come venire incontro a tutti. 

CANCELLARE NOTIZIE DA GOOGLE CONTATTA CYBER LEX: [email protected] , telefono: 0639754846 

Questi sono i suggerimenti Google per rimuovere informazioni personali dal motore di ricerca

Cosa ci suggerisce Google per eliminare le nostre informazioni personali dal motore di ricerca? Scoprilo leggendo questo articolo. 

Capita a tutti di accorgersi che ci sono informazioni personali all’interno di un motore di ricerca o su di una specifica pagina web e di volerle cancellare. A volte pubblichiamo i nostri dati personali senza neanche accorgercene, autorizzando ogni tipologia di applicazione o inserendoli noi stessi in modalità pubblica su uno o più social network e da li ci vuole un attimo per vederli diventare di dominio pubblico. Google ci fornisce qualche indicazione su come rimuovere le nostre informazioni personali dal motore di ricerca e dormire sogni tranquilli. 

Hai bisogno dell’intervento di Google?

A volte può capitare che non si ha la possibilità di cancellare le informazioni direttamente e quindi dobbiamo affidarci a Google. Google ha una serie di Norme precise che tutelano la rimozione volontaria dai risultati di ricerca quindi il motore di ricerca ha la possibilità di eliminare informazioni personali dalle varie pagine web, le informazioni in questione sono:

  • Conti correnti bancari e numeri ad esso associati.
  • Numero di documenti di identità.
  • Informazioni e dati medici personali e riservati.
  • Immagini di firme scritte manualmente. 
  • Immagini di nudo oppure sessualmente esplicite che sono state condivise da una persona senza il consenso del proprietario.
  • Altre informazioni che possono comportare furto d’identità, danni specifici o frode finanziaria. 

Ci sono poi dei dati personali che invece non sono coperti da queste norme e che riguardano:

  • Numero di telefono
  • Indirizzo 
  • Data di nascita
  • Foto poco lusinghiere oppure indesiderate che ritraggono te e la tua abitazione o la tua famiglia
  • Post sui vari social network relativi ad una lesione recente.

Dove sono presenti queste informazioni?

Dopo aver verificato se le informazioni rientrano tra le norme di Google dovrai accertarti se sono presenti sul motore di ricerca, su un sito web o su entrambi. Ecco come puoi comportarti nei vari casi.

Solo su Google

Se le immagini o le informazioni sono mostrate solamente come completamento automatico della Ricerca Google allora dovrai fare una segnalazione. Se invece le informazioni non sono presenti sul sito web ma si mostrano ancora nella Ricerca Google dovrai recarti nella Search Console e presentare una richiesta di eliminazione dell’URL. 

Se si tratta dolo del sito web 

In questo caso Google non può fare assolutamente nulla dovrai contattare direttamente il proprietario del sito web o il web master e chiedere la rimozione delle informazioni.

Se invece sono su entrambi

All’interno della pagina risoluzione dei problemi potrai presentare una richiesta di rimozione. Per ogni caso perciò c’è una soluzione basta applicarla nel modo corretto. Ricapitolando:

eliminare url da Google

rimuovere ricerca Google

eliminare il proprio nome da Google

eliminare url da Google

come esercitare diritto all’oblio Google

diritto all’oblio GDPR

diritto all’oblio Google

richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea

eliminare URL da Google

cancellarsi da Google

eliminare risultati personali da Google

togliere notizie da Google

cancellare articoli da Google

come farsi cancellare da Google

cancellare notizie da Google

come eliminare un sito web da Google

come cancellare articoli di giornale da internet

rimuovere url da ricerca Google

rimozione da Google di informazioni obsolete

diritto all’oblio come fare

deindicizzazione 

deindicizzazione del proprio nome da un motore di ricerca 

deindicizzazione nome motore di ricerca 

diritto all’oblio avvocato 

gdpr diritto alla cancellazione 

gdpr diritto all’oblio 

gdpr cancellazione dati 

diritto alla deindicizzazione gdpr 

come rimuovere un link da Google 

come eliminare da Google il proprio nome 

rimozione notizie di cronaca da Google 

cancellare notizie dai risultati di ricerca Google 

eliminare il proprio nome dalle ricerche Google 

come togliere una notizia da Google 

cancellarsi da Google 

rimuovere ricerca Google 

rimuovere url da ricerca Google 

come eliminare un sito da internet 

eliminare notizie da internet 

come non apparire su Google 

richiesta di rimozione Google ai sensi della legislazione europea 

eliminare il proprio nome da ricerche Google 

eliminare risultati di ricerca Google

https://ec.europa.eu/info/law/law-topic/data-protection/data-protection-eu_it

SE DEVI CANCELLARE NOTIZIE DA GOOGLE CONTATTA CYBER LEX: [email protected] , telefono: 0639754846

La Privacy dei Dati Giuridici nelle Sentenze dei Tribunali Pubblicate Online.

Sentenze dei tribunali: come gestire la privacy?

La privacy di un individuo dovrebbe sempre essere rispettata, ma talvolta, soprattutto quando avviene un fatto di cronaca di interesse pubblico, le sentenze dei tribunali vengono pubblicate online e riportate dalle testate giornalistiche. È il diritto di cronaca o di informazione, fondamentale in una democrazia. Ma anche il diritto all’oblio è altrettanto importante. Qual è il punto di incontro, il bilanciamento tra le due parti?  Ci si può appellare al diritto all’oblio a seguito di una sentenza del tribunale? In taluni casi, è sempre consigliato farsi appoggiare e seguire da una consulenza legale dedicata. La privacy oggi è molto più a rischio rispetto al passato. È possibile l’oscuramento dei dati personali riguardo alla pubblicazione dei dati personali?

Privacy e pubblicazione delle sentenze

Per chi desidera rimuovere dei contenuti dai motori di ricerca, trovati attraverso query specifiche, è possibile compilare il modulo di diritto all’oblio: si può fare da soli, oppure con la tutela legale di un avvocato. La nostra società è ormai inevitabilmente condizionata dal web. L’oscuramento dei dati personali è un tema estremamente attuale. Nel momento in cui una sentenza va online, naturalmente sorgono dei dubbi: quali sono le conseguenze per la reputazione e la web identity di un soggetto? Bisogna capire un assunto importante: i provvedimenti giurisdizionali sono a tutti gli effetti dei documenti pubblici. L’Italia è uno stato democratico, che pone la libertà di pensiero e di cronaca nella propria Costituzione. Il problema è che, prima del web, i documenti erano sì pubblici, ma affissi dopo la procedura giudiziaria. Nessuno poteva vederli se, per esempio, erano pubblicati in un luogo distante. Con il web questo non accade: tutti possono accedervi in qualsiasi momento. Ed è qui che sorge il problema: sentenze 2.0.

Quando interviene il Garante della Privacy?

Il Garante della Privacy interviene nel momento in cui lo interpelliamo: per esempio, quando i motori di ricerca rigettano la richiesta di deindicizzazione di link, rimozione foto o altro. Inoltre, c’è da dire che sul web molte sentenze vengono anonimizzate, in modo tale da non riportare i dati personali degli individui. Proteggere la propria privacy è un diritto e non va mai dimenticato. In accordi con il proprio avvocato, si può certamente richiedere di rendere anonima la propria sentenza poco prima che sia affissa o vada online: è un passo in avanti per un futuro sì tecnologico, ma con un’attenzione speciale verso la privacy.

Data Breach e fuga di dati: cosa dice il GDPR?

Con lo sviluppo delle nuove tecnologie, è sempre più presente la possibilità di poter perdere i propri dati personali. Infatti, queste informazioni, non sono soltanto a rischio nella vita di tutti i giorni, a causa di furti o eventi avversi quali calamità o incidenti, ma sono tutti i giorni esposti a possibili minacce presenti nella rete. Basti pensare ai vari virus e malware che possono attaccare il nostro computer, oppure alla perdita di dispositivi informatici contenenti informazioni personali importanti. A proposito di questo problema appena descritto, è necessario parlare dei Data Breach. Che cosa sono? Si tratta di una violazione dei dati personali, che scaturisce nella loro perdita, distruzione, modifica, accesso o divulgazione pubblica, in modo illecito o accidentale. Proprio per evitare gli enormi rischi che possono essere causati da quanto detto, l’Unione europea presenta un regolamento in merito, nello specifico il numero 2016/679. Questo prende anche il nome di GDPR, ovvero General Data Protection Regulation. Prima di entrare nello specifico e andare a vedere quali sono le caratteristiche di questa fonte vincolante garantita dall’Unione europea, bisogna prima sapere cosa sono in generale i Regolamenti UE. Questi ultimi presentano peculiarità molto simili a quelle delle leggi italiane. Hanno una portata generale e, soprattutto, posseggono la diretta applicabilità. Questo significa che non è necessario un atto dello Stato che ne ordini l’esecuzione nell’ordinamento nazionale, perchè il regolamento si impone per forza propria, la sua applicazione è obbligatoria per tutti gli stati membri. 

Detto ciò, è facile comprendere che tutti i cittadini europei devono sottostare ed usufruire degli stessi provvedimenti che tutelano la fuga di dati personali. Abbiamo citato poco fa il famoso GDPR ed ora, a suo proposito, parleremo dell’articolo 33 contenuto in esso, relativo alla notifica di una violazione dei dati personali all’autorità di controllo. 

Articolo 33: cosa bisogna sapere

La notifica di violazione dei dati personali deve essere presentata all’ente competente entro 72 ore dal momento in cui si è venuti a conoscenza di questa. Se denunciata successivamente al periodo di tempo indicato, è necessaria una valida motivazione del ritardo. All’ente competente devono, inoltre, essere comunicate più informazioni possibili inerenti alla violazione della privacy: la natura di essa, le categorie e il numero approssimativo di interessanti in questione, e anche la possibili conseguenze. 

La notifica deve essere inviata alla mail del garante, qui di seguito indicata: [email protected] per la posta elettronica ordinaria e [email protected] per quella certificata. 

eliminare url da Google

eliminare il proprio nome da Google

come esercitare diritto all’oblio Google

diritto all’oblio GDPR

diritto all’oblio Google

richiesta di rimozione di risultati di ricerca ai sensi della legislazione europea

eliminare URL da Google

cancellarsi da Google

cancellare notizie da Google

eliminare risultati personali da Google

togliere notizie da Google

cancellare articoli da Google

come farsi cancellare da Google

cancellare notizie da Google

come eliminare un sito web da Google

come cancellare articoli di giornale da internet

rimuovere url da ricerca Google

rimozione da Google di informazioni obsolete

diritto all’oblio come fare

deindicizzazione 

deindicizzazione del proprio nome da un motore di ricerca 

deindicizzazione nome motore di ricerca 

diritto all’oblio avvocato 

gdpr diritto alla cancellazione 

gdpr diritto all’oblio 

gdpr cancellazione dati 

diritto alla deindicizzazione gdpr 

come rimuovere un link da Google 

come eliminare da Google il proprio nome 

rimozione notizie di cronaca da Google 

cancellare notizie dai risultati di ricerca Google 

eliminare il proprio nome dalle ricerche Google 

come togliere una notizia da Google 

rimuovere url da ricerca Google 

eliminare notizie da internet 

come non apparire su Google 

richiesta di rimozione Google ai sensi della legislazione europea 

eliminare il proprio nome da ricerche Google 

cancellare notizie da google

Il diritto all’oblio è ora attuabile anche senza il nome dell’interessato: è questa la decisione del Garante della privacy in merito all’attuazione del diritto all’oblio, fino a poco fa limitante in alcune sue caratteristiche. A partire dal 2019, però, successivamente ad un precedente scatenato da un professionista la cui reputazione su Google era in pericolo nonostante l’assenza del suo nome nella ricerca, il Garante della privacy ha ristabilito alcune regole, basandosi sul Regolamento Europeo

L’Autorità ha difatti specificato come sia diritto di un utente la cancellazione delle informazioni personali che lo riguardano anche solo se la persona è identificabile sulla base delle informazioni riportate online, a prescindere dalla presenza o meno del suo nome. In altre parole, è quindi possibile invocare il diritto all’oblio anche a partire da dati personali che non siano il nome e cognome ma che comunque identificano in qualche modo la persona interessata su Google.

NUMERO DI TELEFONO PER CANCELLARE NOTIZIE DA GOOGLE: 0639754846

Fino a soli due anni fa, infatti, grazie al diritto all’oblio era possibile cancellare notizie personali dal motore di ricerca o da un sito web, solo nel caso in cui comparissero in modo diretto ed inequivocabile il nome ed il cognome del diretto interessato la cui web reputation era in pericolo. Tuttavia, è passato alla storia il procedimento di reclamo di un professionista che, all’inizio del 2019, aveva richiesto inutilmente a Google la rimozione di un contenuto reperibile online: questa notizia, nel caso specifico, ledeva la sua web reputation in modo del tutto inappropriato e non più aggiornato e veritiero, in quanto si trattava di una notizia risalente a 10 anni prima e che riguardava un rinvio a giudizio ormai concluso da tempo con una definitiva sentenza di assoluzione.

L’informazione non aggiornata, però, continuava a rimanere sul web e quindi a ledere la reputazione del diretto interessato, anche quando non si andava a cercare direttamente il suo nome ma semplicemente la sua qualifica, in quanto presidente della cooperativa coinvolta. Si trattava di un danno irreparabile e di un pregiudizio continuo non solo nei confronti della sua persona, ma anche della sua attività professionale che era quindi ormai continuamente pregiudicata da questa vecchia e ormai conclusa sentenza. 

L’utente in questione aveva quindi proceduto inizialmente con una classica richiesta di rimozione della URL a Google, respinta però con la motivazione che fosse inammissibile una richiesta di deindicizzazione per chiavi di ricerca che non includono il nome e il cognome di una persona fisica. 

Al rifiuto della richiesta, perciò, il professionista in questione non ha desistito e si è rivolto direttamente al Garante della Privacy, il quale, differentemente da Google, ha ritenuto fondata la sua richiesta di rimozione. Sulla base del regolamento europeo che definisce dato personale “qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile”, infatti, non è ritenuta informazione personale solo quella che identifica in modo diretto, con nome e cognome, una persona fisica, bensì anche le informazioni che la rendono per l’appunto “identificabile”. Riportando la Url in questione la qualifica di presidente di quella determinata cooperativa, quindi, essa rimandava in maniera inequivocabile all’interessato e quindi poteva essere cancellata. Per di più, il pregiudizio subìto dall’interessato non era più controbilanciato da un giustificato diritto di informazione pubblico, poiché si trattava di notizie ormai non più aggiornate e archiviate.

Per questi motivi, il Garante ha quindi ingiunto a Google di rimuovere la Url dai suoi risultati di ricerca e di comunicare entro trenta giorni le iniziative intraprese per attuare le indicazioni dell’Autorità Garante.

Nel caso in cui si trovino quindi delle informazioni che rimandano in maniera inequivocabile alla propria persona, anche non inserendo nella chiave di ricerca il diretto nome e cognome, è bene non procedere in maniera autonoma e rivolgersi piuttosto a dei professionisti del settore che procedano con l’attuazione del diritto alla cancellazione secondo il GDPR. Tra i migliori avvocati in quest’ambito, troviamo sicuramente quelli del team di Cyber Lex, i cui contatti si trovano a questo link e possono rispondere in maniera esaustiva a tutti i vostri dubbi e richieste in merito all’eliminazione delle informazioni personali da Google.

https://gdpr.net/deindicizzazione-gdpr/

https://gdpr.net/diritto-alloblio-costo/

https://gdpr.net/deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca/

https://gdpr.net/rimuovere-informazioni-personali-da-google/

https://gdpr.net/richiesta-di-rimozione-di-risultati-di-ricerca-ai-sensi-della-legislazione-europea/

https://gdpr.net/quante-segnalazioni-ci-vogliono-per-eliminare-un-video-da-youtube/

https://gdpr.net/eliminare-risultati-ricerca-google/

https://gdpr.net/cancellare-notizie-da-internet https://gdpr.net/come-eliminare-un-sito-web-da-google/ 

https://gdpr.net/eliminare-risultati-personali-da-google/

https://gdpr.net/eliminare-url-da-google/

https://gdpr.net/come-cancellare-i-risultati-di-ricerca-google/

https://gdpr.net/nel-caso-di-deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca/

https://gdpr.net/rimuovere-url-da-ricerca-google/

https://gdpr.net/rimozione-contenuti-obsoleti/ https://gdpr.net/come-cancellare-un-link/

https://gdpr.net/come-eliminare-un-sito-internet/

https://gdpr.net/come-cancellare-articoli-di-giornale-da-internet/

https://gdpr.net/rimuovere-link-da-google/

https://gdpr.net/eliminare-il-proprio-nome-da-google/

https://gdpr.net/come-eliminare-video-youtube/

https://gdpr.net/deindicizzazione-privacy/

https://gdpr.net/come-togliere-un-video-da-youtube/

https://gdpr.net/rimozione-di-informazioni-da-google/

https://gdpr.net/come-eliminare-un-sito-web/

https://gdpr.net/diritto-alloblio-privacy/

https://gdpr.net/segnalare-a-google-un-sito-scorretto/

https://gdpr.net/diritto-alloblio-google-modulo/

https://gdpr.net/cancellare-risultati-ricerca-google/

https://gdpr.net/come-eliminare-dati-personali-da-google/

https://gdpr.net/rimozione-url-obsoleti/

https://gdpr.net/cancellare-notizie-dal-web/

https://gdpr.net/cancellare-nome-da-google/

Diritto all’oblio in caso di condanna: è sempre possibile cancellare notizie da Google?

Nel caso in cui un soggetto fosse stato condannato per un reato penale o civile, è possibile richiedere il diritto all’oblio? Se sì, come funziona? Per approfondire tale aspetto, è necessario capire che non bisogna scontrarsi con il diritto all’informazione o di cronaca,

Se da una parte l’interesse pubblico è sacrosanto, dall’altra anche il diritto all’oblio sul web va ugualmente rispettato. Molto spesso, i provvedimenti del Garante della Privacy o dei motori di ricerca stessi sono decisi in moto tale da rispettare ambedue i diritti. Non facile, certo, ma l’obiettivo finale è di non “scontentare” nessuno.

Richiedere il diritto all’oblio dopo che sono trascorsi anni da una sentenza di condanna è possibile: si invitano i motori di ricerca a deindicizzare dei link, che tuttavia permangono nell’archivio giornalistico del sito in cui sono presenti. Per rimuovere tali informazioni, diventa poi necessario rivolgersi alle autorità competenti. Osserviamo come agisce il Garante della Privacy, soprattutto quando accoglie le richieste di un soggetto e ingiunge i motori di ricerca nel cancellare determinati contenuti.

Provvedimenti del Garante della Privacy

Nel caso del provvedimento del 14 novembre 2019, abbiamo un soggetto che richiede esplicitamente di rimuovere delle notizie in primo piano su Google, riportate su una nota testata giornalistica. Cercando il suo nome, il primo risultato rimandato dal motore di ricerca è proprio la notizia in cui è riportata la sua condanna in primo grado: il procedimento penale, però, era pendente in appello.

La notizia era datata: ma che cosa significa “datata” in ambito giornalistico? Le notizie possono passare in secondo piano? Non c’è una vera e propria data di scadenza, ma dopo un po’ di tempo, si è soliti accogliere le richieste.

Il punto cruciale della questione è che il sistema giudiziario italiano si basa sulla reintegrazione nella società dell’individuo. Di conseguenza, avere una traccia di quanto successo, può comunque influire negativamente su questo aspetto, sulla reputazione.

Può essere utile anche prendere ad esempio il provvedimento del 26 settembre 2019. In questo caso il richiedente ha ricevuto riscontro da Bing, ma non da Google, riguardo la deindicizzazione di alcuni link in cui si riportavano delle notizie sul suo processo penale, avvenuto nel Tribunale di Milano, per i reati di associazione a delinquere e truffa aggravata. Il reclamo è stato accolto dal Garante della Privacy, soprattutto nei confronti di Google, che non aveva accettato la richiesta del diritto all’oblio.

https://cyberlex.net/deindicizzazione-gdpr/

https://cyberlex.net/diritto-alloblio-costo/

https://cyberlex.net/deindicizzazione-del-proprio-nome-dal-motore-di-ricerca/

https://cyberlex.net/come-rimuovere-informazioni-personali-da-google/

https://cyberlex.net/richiesta-di-rimozione-dei-risultati-di-ricerca-ai-sensi-della-legislazione-europea/

https://cyberlex.net/quante-segnalazioni-ci-vogliono-per-eliminare-un-video-da-youtube/

https://cyberlex.net/eliminare-risultati-ricerca-google/

https://cyberlex.net/cancellare-notizie-da-internet/

https://cyberlex.net/come-eliminare-un-sito-web-da-google/

https://cyberlex.net/come-cancellare-risultati-di-ricerca-google/

https://cyberlex.net/nel-caso-di-deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca/

https://cyberlex.net/rimuovere-url-da-ricerca-google/

https://cyberlex.net/come-rimuovere-i-contenuti-obsoleti-dai-motori-di-ricerca/

https://cyberlex.net/come-cancellare-un-link/

https://cyberlex.net/come-cancellare-articoli-di-giornale-da-internet/

https://cyberlex.net/eliminare-il-proprio-nome-da-google/

https://cyberlex.net/deindicizzazione-privacy/

https://cyberlex.net/come-togliere-un-video-da-youtube/

https://cyberlex.net/rimozione-di-informazioni-da-google/

https://cyberlex.net/segnalare-a-google-un-sito-scorretto/

https://cyberlex.net/diritto-alloblio-google-modulo/

https://cyberlex.net/rimozione-url-obsoleti/

https://cyberlex.net/cancellare-notizie-dal-web/

https://cyberlex.net/cancellare-nome-da-google/

https://servizilegaliweb.it/deindicizzazione-gdpr-70869.html

https://servizilegaliweb.it/diritto-alloblio-costo-70910.html

https://servizilegaliweb.it/deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca-70916.html

https://servizilegaliweb.it/rimuovere-informazioni-personali-da-google-70921.html

https://servizilegaliweb.it/richiesta-di-rimozione-di-risultati-di-ricerca-ai-sensi-della-legislazione-europea-70925.html

https://servizilegaliweb.it/quante-segnalazioni-ci-vogliono-per-eliminare-un-video-da-youtube-70932.html

https://servizilegaliweb.it/come-eliminare-risultati-dalla-ricerca-di-google-70901.html

https://servizilegaliweb.it/cancellare-notizie-da-internet-70942.html

https://servizilegaliweb.it/come-eliminare-un-sito-web-da-google-70950.html

https://servizilegaliweb.it/eliminare-risultati-personali-da-google-70954.html

https://servizilegaliweb.it/eliminare-url-da-google-70967.html

https://servizilegaliweb.it/come-cancellare-risultati-di-ricerca-google-71051.html

https://servizilegaliweb.it/rimuovere-url-da-ricerca-google-70972.html

https://servizilegaliweb.it/rimozione-contenuti-obsoleti-70975.html

https://servizilegaliweb.it/come-eliminare-un-sito-internet-70999.html

https://servizilegaliweb.it/rimuovere-link-da-google-71006.html

https://servizilegaliweb.it/eliminare-il-proprio-nome-da-google-71011.html

https://servizilegaliweb.it/eliminare-video-youtube-70981.html

https://servizilegaliweb.it/deindicizzazione-privacy-71016.html

https://servizilegaliweb.it/come-togliere-un-video-da-youtube-70988.html

https://servizilegaliweb.it/rimozione-di-informazioni-da-google-70993.html

https://servizilegaliweb.it/come-eliminare-un-sito-web-71022.html

https://servizilegaliweb.it/diritto-alloblio-privacy-71026.html

https://servizilegaliweb.it/segnalare-a-google-un-sito-scorretto-71041.html

https://servizilegaliweb.it/diritto-alloblio-google-modulo-71045.html

https://servizilegaliweb.it/cancellare-risultati-ricerca-google-70959.html

https://servizilegaliweb.it/come-eliminare-dati-personali-da-google-71037.html

https://servizilegaliweb.it/cancellare-nome-da-google-71032.html

https://dirittoallobliointernet.com/deindicizzazione-gdpr-229.html

https://dirittoallobliointernet.com/diritto-alloblio-costo-147.html

https://dirittoallobliointernet.com/rimuovere-informazioni-personali-da-google-237.html

https://dirittoallobliointernet.com/richiesta-di-rimozione-dei-risultati-di-ricerca-ai-sensi-della-legislazione-europea-243.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-eliminare-un-sito-web-da-google-319.html

https://dirittoallobliointernet.com/eliminare-risultati-personali-google-247.html

https://dirittoallobliointernet.com/eliminare-url-da-google-186.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-cancellare-risultati-di-ricerca-da-google-191.html

https://dirittoallobliointernet.com/nel-caso-di-deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca-211.html

https://dirittoallobliointernet.com/rimuovere-url-da-ricerca-google-202.html

https://dirittoallobliointernet.com/rimozione-contenuti-obsoleti-223.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-cancellare-un-link-207.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-cancellare-articoli-di-giornale-da-internet-262.html

https://dirittoallobliointernet.com/rimuovere-link-da-google-265.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-togliere-un-video-da-youtube-322.html

https://dirittoallobliointernet.com/rimozione-di-informazioni-da-google-304.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-eliminare-un-sito-web-288.html

https://dirittoallobliointernet.com/diritto-alloblio-privacy-295.html

https://dirittoallobliointernet.com/diritto-alloblio-google-modulo-326.html

https://dirittoallobliointernet.com/come-eliminare-dati-personali-da-google-217.html

https://dirittoallobliointernet.com/cancellazione-notizie-dal-web-344.html

https://avvocatodomenicobianculli.com/deindicizzazione-gdpr/

https://avvocatodomenicobianculli.com/diritto-alloblio-costo/

https://avvocatodomenicobianculli.com/deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca/

https://avvocatodomenicobianculli.com/rimuovere-informazioni-personali-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/quante-segnalazioni-ci-vogliono-per-cancellare-un-video-da-youtube/

https://avvocatodomenicobianculli.com/eliminare-risultati-ricerca-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/cancellare-notizie-da-internet/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-eliminare-un-sito-web-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/eliminare-risultati-personali-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/eliminare-url-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-cancellare-risultati-di-ricerca-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/nel-caso-di-deindicizzazione-del-proprio-nome-da-un-motore-di-ricerca/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-cancellare-un-link/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-eliminare-un-sito-internet/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-cancellare-articoli-di-giornale-da-internet/

https://avvocatodomenicobianculli.com/rimuovere-link-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/eliminare-il-proprio-nome-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/eliminare-video-youtube/

https://avvocatodomenicobianculli.com/deindicizzazione-privacy/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-togliere-video-da-youtube

https://avvocatodomenicobianculli.com/rimozione-di-informazioni-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-eliminare-un-sito-web/

https://avvocatodomenicobianculli.com/diritto-alloblio-privacy/

https://avvocatodomenicobianculli.com/diritto-alloblio-google-modulo/

https://avvocatodomenicobianculli.com/cancellare-risultati-ricerca-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/come-eliminare-dati-personali-da-google/

https://avvocatodomenicobianculli.com/rimozione-url-obsoleti/

https://avvocatodomenicobianculli.com/cancellare-notizie-dal-web/

https://avvocatodomenicobianculli.com/cancellare-nome-da-google/

SE DEVI CANCELLARE NOTIZIE DA GOOGLE CONTATTA CYBER LEX: [email protected] , telefono: 0639754846

Il diritto all’oblio è il diritto di un utente di richiedere la cancellazione di un contenuto da un sito web o un motore di ricerca in quanto ormai inadeguato, irrilevante, non più rilevante o eccessivo, in difesa e protezione della sua reputazione online. Esso è entrato in vigore a partire dalla sentenza straordinaria del maggio del 2014, in cui la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che è possibile avvalersi di questo diritto alla cancellazione, anche e soprattutto con i motori di ricerca come Google: è infatti possibile, dal 2014, richiedere ai motori di ricerca di rimuovere determinati risultati che li riguardano e che appaiono nella pagina di ricerca digitando il proprio nome (o informazioni personali che lo rendono identificabile) come chiave di ricerca.

Nonostante non sia sempre facile stabilire il giusto equilibrio tra diritto privato della privacy e diritto pubblico dell’informazione, e nonostante siano presi in considerazione diversi criteri a riguardo, a partire dal 2014 le richieste di rimozione di contenuti rivolte a Google non hanno mai smesso di aumentare: stando al Rapporto di Trasparenza pubblicato da Google stesso, le richieste finora avanzate sono state quasi 4 milioni, per un totale di più di un milione di URL di cui si è richiesta la rimozione. 

Oltre a rendere pubblici il volume di richieste e dei contenuti di cui si effettuano tali richieste, questo Rapporto di Trasparenza di Google fornisce dati molto interessanti anche sui tipi di utente che effettuano tali richieste, sui siti web in cui sono più spesso presenti contenuti di cui si richiede la rimozione, sui tipi di contenuto che più spesso si vogliono cancellare e molti altri dati interessanti, tutti accompagnati da grafici opportunamente dettagliati ed accurati. 

Tra questi, ad esempio, sono forniti interessanti dati sulle categorie di richiedenti: dal seguente grafico vediamo infatti come l’88% delle richieste sia stato effettuato da privati, di cui 30.875 richieste sono state effettuate da minorenni, i quali possono infatti richiedere la rimozione di un contenuto personale anche in prima persona, senza l’intermediazione di un maggiorenne che ne faccia le veci.

Inoltre, vale la pena soffermarsi anche sulle categorie di siti web che ospitano contenuti di cui si richiede la rimozione: vediamo che finora, oltre a siti vari che riguardano circa la metà delle richieste, i siti più frequenti che ospitano notizie personali di cui si richiede la rimozione sono siti di notizie, seguiti inevitabilmente dai social media, conosciuti da tutto il mondo proprio per la loro peculiarità di ricondivisione frequente ed esponenziale delle notizie, spesso anche senza il permesso del diretto interessato. 

Infine, un ultimo aspetto molto interessante presente nel Rapporto di trasparenza di Google riguarda i tipi di contenuti personali di cui si richiede la rimozione: dalle richieste effettuate finora, infatti (in quanto sono escluse le richieste di rimozione degli URL ancora in attesa di revisione o che richiedono altre informazioni per essere elaborate), è evidente come i contenuti di cui più frequentemente si richiede la cancellazione sono le informazioni insufficienti (24,4%), ovvero quelle notizie riportate in maniera parziale e che quindi creano fraintendimenti o danni alla reputazione di una persona fisica o di un’azienda. A seguire, troviamo le informazioni professionali (17,2%), il nome non trovato (17,1%), le autoproduzioni (6,7%), le attività illegali (6,6%), gli illeciti professionali (6,2%), le informazioni personali (5,8%) ed altri tipi di contenuti.

SE DEVI CANCELLARE NOTIZIE DA GOOGLE CONTATTA CYBER LEX: [email protected] , telefono: 0639754846 

Il nostro Avvocato parla tre lingue con Bruno Mafrici!

Non solo studenti alle prese con esami di lingua: nel mondo interconnesso di oggi in molti decidono di intraprendere un’esperienza lavorativa all’estero, oppure hanno qualche amico di nazionalità diversa o semplicemente…desiderano far bella figura in quel viaggio a lungo sognato! L’obiettivo, in ogni caso, è uno solo: parlare bene una lingua straniera! Così ha fatto il nostro Avvocato curatore del blog con Bruno Mafrici (avvocato, si, ma anche blogger, Bruno Mafrici, che non è avvocato, è al top della forma!), ha scelto il numero uno nel settore!

Questo perché può capitare, nella migliore delle ipotesi, di esportare la propria professione anche all’estero e quindi, anche nel caso in cui non si avesse un contatto diretto con una professione linguistica, si potrebbe comunque aver bisogno di un buon livello di inglese ed altre lingue straniere. A tal proposito, il consulente ed imprenditore Bruno Mafrici ha pubblicato un interessante articolo nel suo blog, in quanto egli per primo è un professionista italiano, di Milano, che però opera anche all’estero e quindi può testimoniare come tali metodi siano utili per migliorare le proprie competenze.

Come leggiamo nel suo blog, infatti a chi di noi, ormai, non è capitato di dover parlare in una lingua diversa dalla propria? Diciamoci la verità: non è del tutto gradevole ascoltare i nostri suoni incerti e osservare l’espressione un po’ smarrita dell’interlocutore… ma niente paura! Esistono attività semplicissime e divertenti per parlare quella lingua che amiamo (o che ci serve) sempre meglio! Il primo suggerimento è ben noto, ma rimane uno dei più validi: ascoltare musica, leggere libri o guardare film in lingua originale amplia in maniera importante il vocabolario, elemento fondamentale e spesso sottovalutato: non dimentichiamo che più parole si conoscono e più facile e immediato sarà pensare e pronunciare ciò che vogliamo dire. Se si è agli inizi dell’apprendimento della lingua, il consiglio in più è scegliere un libro o un film tra i nostri preferiti, di cui magari ricordiamo perfettamente frasi e battute…l’associazione tra i termini nelle due lingue sarà immediata!

Secondo consiglio: imparare senza pensarci… con la radio! Certamente il modo migliore per parlare con scioltezza sempre maggiore è quello di vivere in un Paese straniero, cosicché quella lingua diventa non un semplice strumento di comunicazione, bensì l’ambiente stesso in cui si è immersi e in cui si vive. In assenza dei continui stimoli che avremmo in quel caso (dialogo con i negozianti, i colleghi, gli amici, la televisione) c’è un’ottima alternativa: la radio. Su internet potete trovare canali radio di qualsiasi Paese. L’ascolto continuo, anche in sottofondo, vi permetterà di familiarizzare sempre più con la cadenza e i suoni della lingua e di ampliare sempre più il lessico, soprattutto quello quotidiano e dunque più necessario. Ricordiamo che inoltre alla radio si usa ripetere spesso le stesse frasi ogni giorno, il che permette anche a chi è alle prime armi di imparare a riconoscere gradualmente delle parole familiari e di fissarle nella memoria in modo permanente.

Ed infine, terzo ed ultimo consiglio da parte di Bruno Mafrici: parlare, parlare, parlare…anche con se stessi! Come per qualsiasi attività, non c’è niente di più utile e proficuo della pratica stessa (non si impara a cucinare a forza di leggere libri di ricette!). È possibile, però, che non si conosca nessuna persona con cui poter parlare quella lingua. E se non si volesse pagare un insegnante? Una soluzione c’è: proviamo a tradurre simultaneamente i nostri pensieri e le nostre frasi. “Oggi cucino io!”, “Dove sono finiti quei pantaloni?”. Provando a tradurre le frasi di tutti i giorni ci rendiamo conto immediatamente delle parole che non conosciamo e di quanto siamo in grado di usare i costrutti base della lingua. Ricordate sempre di non esagerare: il segreto è fare poco e bene, tutti i giorni. E adesso cosa aspettate a provare?

Per concludere, alcuni collegamenti rapidi:

bruno mafrici avvocato

avv davide cornalba

giovanni de pierro

davide lombardi

utilizzare l’iphone come bilancia

massimo palombella ultime notizie

salvatore puglisi cosentino

europei 2021

giorgia meloni

consorzio valori antimafia

Il lusso a servizio dell’ambiente: Yoox lancia The Modern Artisan Yoox Net-a-Porter

Il Principe di Galles non è estraneo al mondo del fashion, che ha saputo coniugare con un tema altrettanto a lui caro: la sostenibilità, che nel settore si traduce nella ricerca della qualità assoluta a favore di una maggiore creatività, per collezioni che durano nel tempo consentendo un’importante riduzione degli sprechi. Ed è proprio di questo partner d’eccezione, Sua Altezza Reale Carlo d’Inghilterra, che il leader mondiale della moda di lusso online, Yoox, ha lanciato “The modern Artisan Yoox Net-A-Porter, consolidando le proprie radici anglo-italiane e mettendosi contemporaneamente a servizio dell’ambiente. Un monito lanciato anche da Giorgio Armani a seguito del brusco freno imposto al comparto moda dalla pandemia di Covid-19. “Questa tremenda esperienza ci lascia una lezione importante: risparmiare, fare di più e meglio, con meno, rifletteva nell’aprile 2020.
Leggiamo e pubblichiamo un interessante approfondimento di un grande esperto del settore, il consulente e imprenditore di Milano Bruno Mafrici, che spiega nei dettagli innanzitutto la fusione tra manualità e tecnologia di questo progetto. The Modern Artisan si fonda sulla volontà di unire infatti alle competenze manuali tipiche dell’artigianato di eccellenza la grande protagonista dell’epoca contemporanea: la tecnologia, ormai sempre più determinante nei comparti produzione e vendita di ciascun settore commerciale. Non a caso, a dar vita al progetto sono state chiamate le nuove generazioni, che con i due temi della sostenibilità e della tecnologia possiedono grande dimestichezza e sensibilità. In Italia il Politecnico di Milano ha provvisto al reclutamento di sei tra i migliori studenti delle scuole di design del Capoluogo lombardo, mentre nel Regno Unito quattro giovani laureati hanno frequentato il corso istituito ad hoc da The Prince’s Foundation volto all’acquisizione di competenze nel campo della moda di lusso, e più precisamente, nella produzione in serie ridotte. L’intera collezione si compone, infatti, di soli diciotto pezzi.

Come ci ricorda anche Bruno Mafrici nel suo blog, le parole chiave dell’ispirazione di questo progetto sono arte e sostenibilità. The Prince’s Foundation è l’istituto benefico creato dal Principe del Galles allo scopo di promuovere la sostenibilità nel mondo odierno tramite l’educazione e la formazione nei più svariati ambiti, tra i quali spiccano, oltre alle arti tradizionali, le arti del ricamo e il design. Per The Modern Artisan in particolare è stato privilegiato l’utilizzo di fibre naturali, quali cashmere e lana di provenienza scozzese, a scapito di fibre sintetiche del tutto assenti nel progetto. I tessuti utilizzati sono tutti interamente tracciabili e, nel caso della pregiata seta di Como, ottenuti tramite tecniche di agricoltura biologica. In ultimo, si è ricorsi all’utilizzo-riciclo di stoffe residue. L’intero progetto trae ispirazione dalla personalità geniale di Leonardo Da Vinci e alla sua innata capacità di unire in modo impeccabile arte e scienza, con un occhio di riguardo alle tecnologie del momento. Concepita nell’anno in cui si commemorano i 500 anni dalla morte del Genio, i riferimenti diretti alla sua opera si concretizzano nelle riproduzioni del celebre nodo. La collezione è stata resa disponibile ai consumatori il 12 novembre 2020 in via del tutto eccezionale su ciascun brand del marchio Yoox Net-a-Porter, ed i proventi sono stati interamente devoluti alle attività di The Prince’s Foundation destinate all’insegnamento e alla conservazione delle tecniche tessili tradizionali.

Blog Avv Davide Cornalba su Intermediazione Immobiliare

L’Avvocato Davide Cornalba del foro di Lodi, specializzato in cause civili legate al risarcimento del danno da fatto illecito, ha studio legale dell’Avv. Davide Cornalba ha sedi in Milano, Corso di Porta Vittoria 18, e Lodi, Via XX Settembre 51. Riceviamo e pubblichiamo l’approfondimento che segue prodotto dal team dell’Avv Davide Cornalba.
Grazie alla collaborazione di uno staff altamente specializzati, l’Avv. Davide Cornalba offre consulenze legali in materia di responsabilità civile in ambito di procedure di mediazione, in ambito giudiziale civile, in ambito giudiziale amministrativo, responsabilità penale, assistenza specialistica per opposizione a contravvenzioni, proposizione di denunce-querele, opposizioni a richieste di archiviazione
 
Cos’è l’attività di intermediazione mobiliare.
Vi siete sempre chiesti in cosa consista l’intermediazione mobiliare o, conoscete già l’argomento e state cercando informazioni più specifiche? Continuate a leggere questo articolo per ricevere una risposta alle vostre domande su quest’ attività.
Cos’è l’intermediazione mobiliare.
Per intermediazione mobiliare si intendono tutte quelle attività dove si offrono dei servizi di investimento, ovvero quando qualcuno sceglie di affidarsi a terzi, appunto degli intermediari, per investire le proprie somme di denaro sul panorama del mercato finanziario. 
Come in tutti gli altri servizi dove ci si affida a terzi per svolgere un’operazione si decide di compiere questa scelta o per mancanza di conoscenza ed esperienza nel settore, o semplicemente per mancanza di tempo da dedicare all’attività. L’intermediazione mobiliare va differenziata dall’intermediazione finanziaria perché, a differenza di quest’ultima non si occupa di assistere i clienti in materia di finanziamenti.
Quindi l’intermediazione mobiliare è un servizio volto a finalizzare gli investimenti dei clienti che viene offerto da delle società specializzate chiamate SIM, che, come vedremo nella seconda parte dell’articolo, hanno l’esclusiva di operare nel settore dell’intermediazione mobiliare.
 
Chi si occupa di intermediazione mobiliare?
Una svolta riguardo la regolamentazione dell’attività immobiliare è avvenuta nel 1991, quando sono state create le società di intermediazione mobiliare, le cosiddette SIM. Nei primi anni 90 erano state introdotte diverse modifiche riguardo la situazione dei mercati finanziari in Italia e le società di intermediazione mobiliare sono state introdotte proprio per evitare possibili imbrogli o truffe compiute dai soggetti che lavoravano come intermediari prima della loro introduzione. Con questo cambiamento quindi si sono tutelati gli introiti degli investitori e si sono ottimizzati i livelli di efficacia dei mercati andando a introdurre delle società specifiche che hanno l’esclusiva di occuparsi dell’intermediazione mobiliare.
Cosa sono le società di intermediazione mobiliare (SIM)?
All’interno del Testo Unico sulla Finanza (TUF), testo che contiene il corpus di leggi che regolano il mercato finanziario in Italia, troviamo la definizione di SIM che può essere così semplificata: “Le società di intermediazione mobiliare sono società dotate di personalità giuridica con sede legale in Italia con l’autorizzazione a svolgere servizi e attività di investimento, differenti dalle banche e dagli intermediari finanziari”. In sostanza le SIM sono molto simili, se non identiche, alle società finanziarie con la differenza di non offrire un servizio di erogazione di finanziamenti. Per capire in sostanza di cosa si occupa l’intermediazione finanziaria dobbiamo fare riferimento all’elenco dei servizi di investimento che le SIM sono autorizzate a proporre ai propri clienti:

  • L’esecuzione, la ricezione o la trasmissione di ordini al posto del cliente.
  • Negoziazione mobiliare.
  • Consulenza sugli investimenti con il cliente.
  • Gestire un sistema multilaterale per la negoziazione.
  • Collocamento, con o senza impegno irrevocabile nei confronti di chi emette.
  • Assunzione a fermo senza impegno irrevocabile nei confronti di chi emette.

Vedi anche:
AVVOCATO DAVIDE CORNALBA
DAVIDE CORNALBA LODI
DAVIDE CORNALBA MILANO
DAVIDE CORNALBA AVV.
DAVIDE CORNALBA AVVOCATO
http://webnewsblog.altervista.org/assistenza-legale-dellavv-davide-cornalba/ 
https://medium.com/@avvocatodavidecornalba/assistenza-legale-dellavv-davide-cornalba-1f6b14e7196
https://medium.com/@avvocatodavidecornalba/risarcimento-danno-fisico-da-incidente-stradale-580da714545e

Franco Soldati e l’Udinese, Raffaele Riva e il Watford

Chi è Franco Soldati il presidente dell’Udinese Calcio Spa? Si tratta di un professionista dalla solida esperienza in campo dirigenziale, iniziata fin dal 1983 quando, dopo la preparazione accademica (laurea in Scienze Politiche a Bologna, laurea triennale in Sociologia a Milano, laurea magistrale in Scienze della Comunicazione a Milano e dottorato di ricerca di terzo livello in Marketing & Business), viene immediatamente assunto presso la Federazione Regionale delle Casse Rurali ed Artigiane del Friuli Venezia Giulia come addetto alla segreteria generale. La carriera dirigenziale, da quel momento in poi, inizia ad accrescersi sempre di più: funzionario dell’ Agrileasing Spa presso la Filiale di Udine, (dove diventerà vicedirettore); dirigente della Lisinco SpA (Gruppo Banca del Friuli) quale responsabile commerciale e marketing (dove diventerà Direttore Commerciale della stessa); funzionario, responsabile marketing e sviluppo della Cassa Rurale ed Artigiana di Basiliano (facendo parte anche di commissioni regionali e nazionali delle Casse Rurali per l’attività bancaria). 

Dalla rassegna stampa di Agosto 2020 leggi anche:

https://raffaelerivasoccer.com/granada-modello-watford-raffaele-riva/

https://raffaeleriva.altervista.org/famiglia-pozzo-metodo-udinese/

http://www.blah-blah.it/gino-pozzo-e-raffaele-riva-storie-di-calcio-2480/

https://www.corrieredellosport.it/squadre/SerieA/Udinese/t136

Una storia e una lunga esperienza quella di Franco Soldati, che gli hanno, poi, permesso di approdare all’Udinese, intrecciando la sua vita professionale nel mondo del calcio, con quella di un altro consulente esperto, come Raffaele Riva. Così come Franco Soldati è stato scelto da Giampaolo e Gino Pozzo per guidare l’Udinese, allo stesso modo la famiglia Pozzo ha scelto Raffaele Riva al Watford, nell’avventura, poi rivelatasi vincente, della scalata alla Premier League. 

Tornando a Soldati, nel 1992, viene assunto da Olivetti Fin Factoring SpA del Gruppo Isefi, holding nel parabancario del Credito Romagnolo quale direttore della filiale di Udine (nel ’93 diventerà capo area del Triveneto); all’interno del gruppo Credito Romagnolo passa al comparto medio-termine, crediti speciali e parabancario della Sede Regionale di Udine, seguendo i rapporti con la media e grande industria, percorso che lo porterà nel 1995 a dirigere la filiale Credito Romagnolo di San Giorgio di Nogaro con poteri di delibera; nel ’96 viene assunto come dirigente, direttore commerciale Italia ed estero della Banca IFIS SPA, società di factoring della famiglia Agnelli, quotata alla Borsa di Milano, gestendo sei Filiali e circa 50 dipendenti. Nel 1998 Soldati è dirigente, vice direttore vicario dell’Associazione degli Industriali della provincia di Udine; diventa poi (nel 2006) dirigente e direttore commerciale della Vidoni Spa, nel 2015 dirigente e Cfo della S.A.L.P. Spa; nel 2016 dirigente, direttore generale della Sapori Antichi Srl. 

Fin dall’anno 2000 Franco Soldati è il Presidente del CDA dell’Udinese Calcio SpA, mettendo quindi a disposizione dello storico club calcistico friulano tutte le sue competenze ed esperienze da dirigente, portando così solidità e struttura ad un team che milita stabilmente e con grande successo nel campionato di massima serie.  

Link: https://www.watfordfc.com/news 

https://www.mirror.co.uk/all-about/watford-fc

Dove vedere film in streaming gratis legale

Gli utenti che non dispongono di abbonamenti per la visione di contenuti su Pay Tv potrebbero ricorrere allo streaming, che risulta essere una buona e valida alternativa per non perdere i programmi preferiti. A differenza del recente passato, non bisognerà più effettuare alcun tipo di download sul PC, né praticare trasferimenti sul teleschermo di casa. Inoltre, i contenuti non si dovranno necessariamente fruire sullo schermo del computer. Infatti, la visione in streaming ora è più semplice, potendo evitare passaggi complessi e particolarmente difficili. La strada per la fruizione di contenuti in streaming si è fatta più piana anche grazie ad una rete web di maggiore qualità, che ha permesso di mettere da parte Dvd, BlueRay e altri supporti fisici anche per i generi film e serie TV. L’alternativa per gli utenti che ricorrono all’on demand in streaming è rappresentato dalla scelta tra servizi a pagamento e contenuti gratuiti. Come questa piattaforma di film completi italiano in streaming

 Nel caso dei contenuti a pagamento si fa riferimento a siti e ad applicazioni che necessitano di un abbonamento o di un pagamento a “consumo”, mentre lo streaming gratuito fa sì che si possa fruire liberamente dei contenuti, senza pagare niente, ma semplicemente registrandosi. Talvolta, non è necessaria neppure la registrazione. Ovviamente in entrambi le situazioni si possono vedere film in streaming in modo oltre che gratis, anche legale. Le tipologie di film disponibili e rintracciabili sui siti streaming gratis e legali numerose ed eterogenee: si passa dai film di recente distribuzione ai film più antichi, i classici, dalle pellicole americane a quelle italiane, dagli horror alle commedie. La libertà di scelta porta quasi all’imbarazzo della scelta. Naturalmente non saranno visibili in modo gratuito i film appena distribuiti nei cinema o i kolossal di grido (almeno non in maniera legale), ma i contenuti interessanti non mancano. I siti che offrono la visione di film in streaming gratuiti, ma in modo legale sono molti, consentendo agli spettatori di avere un’ampia ed interessante scelta, a seconda dei diversi gusti ed esigenze. Soprattutto in questi mesi di lockdown e di isolamento, i portali di questo genere hanno accompagnato la quarantena di molti appassionati e avvicinato molti utenti alla riscoperta del cinema. A tal proposito, gli utenti possono fruire e far riferimento a The Film Club, piattaforma di video on demand di Minerva Pictures. The Film Club è il servizio di Video On Demand che consente all’utente di scegliere tra un vasto ed eterogeneo catalogo di film d’autore e di generi: dai classici ai cult, passando per pellicole rare e quasi introvabili. Lo spettatore che fruisce di The Film Club può guardare ogni contenuto senza interruzioni pubblicitarie, in ogni momento e dal posto che meglio desidera. Infatti, The Film Club è una videoteca digitale dov’è possibile trovare il cinema che non c’è più: dal più impegnativo al più leggero e rilassante per rintracciare le tante occasioni di evasione, ma anche i tanti spunti di riflessione. E su The Film Club tutto questo è fruibile senza sottoscrivere alcun abbonamento o contratto, collegandosi al sito https://thefilmclub.it/

Mirko Ravicini su sicurezza cantiere stradale

Quando si percorre una strada, che sia su un mezzo o mentre si passeggia, può capitare di incontrare dei lavori sul proprio cammino, ovvero un cantiere stradale. Questi luoghi sono ben segnalati poiché presentano degli ostacoli o delle anomalie sulla strada, per questo è sempre consigliato rallentare nei pressi di un cantiere stradale. 

IN QUESTI CASI, COME FARE?

Abbiamo contatto il team di Mirko Ravicini per chiedere approfondimenti in merito alla sicurezza sui cantieri stradali. Mirko Ravicini è un imprenditore abruzzese a capo delle aziende di servizi Abruzzoservizi e Punto Garden. Attraverso il suo blog (https://mirkoravicini.com/) ci tiene periodicamente aggiornati sul mondo dei cantieri industriali e pubblici. Una delle prima cause degli ingorghi sono senza dubbio i cantieri stradali ma in pochi conoscono la sua definizione: si intende un luogo dove vengono effettuati dei lavori, comprovate da una concessione amministrativa da parte dell’associazione o ente concessionario della strada. Come accennato in precedenza, per cantieri si intendono anche degli ostacoli o delle anomalie lungo la carreggiata. Sono presenti diverse distinzioni di cantieri stradali poiché essi possono essere di grandi e medio-piccole dimensioni: i primi sono duraturi e hanno bisogno anche di un piano specifico di sicurezza, oltre che la designazione e la presenza di un tecnico che si occuperà della tutela dei lavoratori. Per i cantieri di piccole e medie dimensioni è sempre previsto un piano di sicurezza ma è completamente a carico dell’impresa che effettua i lavori, senza nessun controllo da parte di terzi. In questi casi tutte le precauzioni vengono decise arbitrariamente dai lavoratori.  

Una delle caratteristiche principali dei cantieri stradali riguarda la sicurezza dei lavoratori, infatti ogni luogo deve avere determinati dispositivi di protezione individuale, i celebri DPI. Prima di poter iniziare qualsiasi lavoro, si deve tener conto di diversi fattori: la tipologia di strada, la visibilità (in caso di nebbia, neve e via dicendo), la localizzazione (se in centro urbano, vicino opere d’arte, incroci ecc.), la presenza o meno di traffico, perché un cantiere deve cercare di non formare code chilometriche e, in particolare, le possibili problematiche con gli esercizi commerciali o mezzi pubblici. Tutto questo deve essere inserito nella valutazione dei rischi del cantiere stradale, presente all’interno del POS (Piano Operativo per la Sicurezza). 

Ogni cantiere non può esimersi dal segnalare la propria presenza: sono obbligatori gli appositi segnali, sia fissi che mobili, che avviseranno i passanti. Tutto questo serve per far notare agli utenti che ci sono delle anomalie e quindi è necessario mantenere un comportamento sicuro e adeguato. Ogni segnale che evidenzia la presenza di un cantiere deve essere facilmente visibile e leggibile, sia di giorno che di notte ed in qualsiasi condizione atmosferica ma in particolare gli avvertimenti devono essere coerenti e quindi non in contrasto tra di loro. Un altro aspetto fondamentale è che la segnaletica dei cantieri stradali è identica a quella normale, ovvero stesse dimensioni e supporti. Ad oggi ci sono diverse tipologie di segnaletica

delimitazione del cantiere: coni, barriere, paletti ecc.;
segnali luminosi: dispositivi con luce gialla o rossa, lanterne semaforiche;
segnali del cantiere: cartelli che indicano pericolo, indicazioni e possibili modifiche, come dare una precedenza, un divieto di sorpasso o di transito;
sicurezza dei pedoni: un corridoio o un nuovo marciapiede temporaneo;
limitatori di velocità;
segnalamento di veicoli e macchinari pericolosi

La sicurezza, ricorda Mirko Ravicini, è uno degli aspetti fondamentali dei cantieri stradali, proprio per questo il datore di lavoro è obbligato a fornire una formazione adeguata a tutti gli addetti sulla rimozione e installazione della segnaletica stradale. I lavoratori potranno partecipare a due tipologie di percorsi formativi, uno per gli operatori (diviso in 3 moduli e della durata di 8 ore, con prova finale) ed uno per i preposti (sempre in 3 moduli ma della durata di 12 ore, anch’essa con verifica finale). 

Continua a leggere la nostra rassegna stampa:

Alessio Del Vecchio

Cancellare Notizie da Google

Donald Trump

Giovanni De Pierro

Giuseppe Conte

Leo Marino Benedettini

Tutte le informazioni riservate appartengono ai rispettivi feed di servizio.